Termoscanner nelle scuole: cosa c’è da sapere

La riapertura delle scuole quest’anno è molto più complessa del solito. 

Ormai lo leggiamo e lo sentiamo dire in continuazione, ma ancora non sappiamo bene cosa sarà obbligatorio fare per fronteggiare la diffusione del Covid-19 e ancor di più come evolverà la situazione.

Di sicuro la ripresa delle attività didattiche impone di adottare soluzioni che rendano le fondamentali regole di sicurezza come il distanziamento sociale, l’uso della mascherina, la disinfezione delle mani e degli ambienti, delle pratiche quotidiane anche a misura di bambini.

Una delle domande che ci si pone riguarda il rilevamento della temperatura all’ingresso di scuole, asili, università, centri sportivi e in generale di tutte le strutture ad alto afflusso di persone.
Sarà obbligatorio misurare la febbre all’entrata di questi luoghi?

In alcune regioni d’Italia l’obbligo è già previsto, nelle altre la misurazione dovrà avvenire a casa in maniera preventiva per verificare che la temperatura corporea non superi i 37,5°C.

Molte scuole pubbliche e private hanno deciso di dotarsi in ogni caso di termoscanner per controllare la temperatura di bambini e ragazzi prima che entrino in classe, a prescindere dagli eventuali obblighi normativi.

Di seguito approfondiamo come funzionano i termoscanner e come vengono utilizzati, anche in ambito scolastico. 

Come funzionano i termoscanner a infrarossi per bambini

Termoscanner bambini

I termoscanner sono dei termometri laser capaci di misurare la temperatura senza il contatto diretto (bastano 3-5 cm di distanza dal corpo per il rilevamento). Quelli per bambini funzionano in maniera del tutto analoga a quelli per gli adulti. 

Il principio che utilizzano è quello della radiazione termica.

In pratica quando un corpo non si trova alla temperatura minima teorica dello zero assoluto (-273,15 °C) emette una radiazione elettromagnetica che corrisponde a una dispersione di energia nell’ambiente: un trasferimento di calore sotto forma di radiazioni infrarosse. Queste onde, una volta convogliate su apposite lenti ottiche, sono convertite in segnale elettrico e attraverso un processore (pirometro) sono tradotte in valore numerico: la temperatura in gradi centigradi. 

Attraverso l’uso di uno strumento come il termoscanner è possibile rilevare a distanza la radiazione termica, che è direttamente proporzionale rispetto alla temperatura del corpo. In sostanza, maggiore è il calore emanato e più facile sarà misurarlo.

La lettura con questi dispositivi è istantanea: bastano poche frazioni di secondo per visualizzare il risultato della misurazione sul display del termoscanner, con un segnale sonoro e una luce verde, gialla o rossa a seconda della temperatura registrata.

La temperatura può essere rilevata dalla fronte, dal palmo della mano e dal polso. 

I termoscanner sono affidabili?

La misurazione con il laser infrarosso del termoscanner è affidabile. Indubbiamente è soggetta a fattori esterni non controllabili: polvere, calore proveniente dalle luci, aria condizionata, campi magnetici, pioggia, etc.

Termoscanner bambiniIn generale la temperatura misurata dalla fronte di un bambino sano con termometro ad infrarossi varierà mediamente dai 36°C ai 37°C. Questo dato potrà cambiare a seconda delle condizioni ambientali e della sudorazione. Se il bambino è stato in un ambiente freddo, la temperatura rilevata potrà risultare più bassa. In ogni caso a parità di condizioni, tra una persona sana e una persona febbricitante sarà possibile notare una differenza di temperatura di almeno 1,5 - 2°C.

Pur essendoci quindi sempre un margine di errore, l’accuratezza della rilevazione dipende molto anche dalla qualità e dalla funzionalità del termoscanner utilizzato.

Inoltre bisogna assicurarsi che il dispositivo sia stato settato con la giusta emissività dell’oggetto da rilevare.

Riguardo alla sicurezza dei bambini, così come quella degli adulti, va precisato che il termoscanner non è in alcun modo dannoso per le persone. Questo strumento non invia alcuna radiazione, ma riceve soltanto la radiazione termica che il corpo irradia. 

Che differenze ci sono fra i termoscanner a pistola e quelli a colonna

Il principio che utilizzano i termoscanner a pistola (o manuali) e quelli a colonna è lo stesso, cioè la radiazione termica di cui abbiamo parlato poco sopra.

La differenza sostanziale fra i due tipi di sistemi sta nei seguenti elementi:

 A PISTOLA A COLONNA
Presenza operatore che effettua la rilevazione necessaria non necessaria
Tempi di rilevamento dipendono dall’operatore meno di 0,6 secondi
Sensibilità alla temperatura ambientale elevata minima

  

Si capisce quindi facilmente che i termoscanner a colonna presentano numerosi vantaggi rispetto a quelli a pistola, in particolare quando ci sono situazioni come quelle di asili e scuole in cui gli ingressi sono molto numerosi e si concentrano in pochi minuti.

Se da un lato quindi i termoscanner a pistola posso sembrare più convenienti a livello economico, dall’altro sono meno rapidi e richiedono la presenza di operatori che non sempre può essere garantita.

Avere a disposizione un sistema di rilevamento rapido ed affidabile è quindi fondamentale per  evitare assembramenti e consentire l’ingresso di tutti in sicurezza senza esporsi a inutili rischi.

I prodotti HiQu Plus per il mondo delle scuole

Nella nostra azienda abbiamo realizzato una gamma di prodotti concepiti proprio per il controllo degli accessi, alcuni dei quali appositamente studiati e realizzati per gli ambienti scolastici.

Buddy per i bambini dai 3 ai 6 anni

Termoscanner bambini Buddy

I dispositivi dedicati ai bambini dai 3 ai 6 anni sono raggruppati nella linea “Buddy”.
Si tratta di una colonna compatta con termoscanner ed erogatore gel con Aloe ed estratti vegetali, completamente touchless ideale per gli ingressi di asili, scuole e centri sportivi.
Il frontale di Buddy è personalizzabile ed è dotato di una base estesa anti rovesciamento.

La forma è stata studiata per rassicurare i bambini ed incentivarli ad avvicinarsi al personaggio illustrato. I dispositivi Buddy si contraddistinguono per una tecnologia ampiamente collaudata, l'alta precisione e la rapidità di rilevamento.
 

Spido per studenti dai 6 anni in su e adulti

Per gli studenti di scuole medie, istituti superiori o università è stata creata la linea “Spido”.

E' composta da un termoscanner infrarossi rapido completamente touchless.
Lo proponiamo in due versioni:

- una fissa da parete; 
- una mobile con asta in acciaio inox.

Il sistema è completamente autonomo e nella versione con asta non necessita di installazione. 

Perchè scegliere i termoscanner HiQu Plus?

  • Velocità rilevamento: fino a 100 passaggi al minuto
  • Realizzati in Italia
  • Tecnologie collaudate
  • Precisione di rilevamento: ± 0,2 °C
  • Personalizzabili
  • Facilità di installazione
  • Non serve la corrente elettrica
  • Ricaricabili
  • Costi detraibili del 60%

 Scopri i termoscanner per le scuole di HiQu Plus